E Walter fa felice Maria: «Vengo a casa tua»

Se lo ricorderà per tutta la vita Maria Saitta il 19 marzo 2008. Studentessa 16enne, al terzo anno del liceo linguistico Gioia, si è vista arrivare in casa Walter Veltroni. Un fuori programma che il leader del Pd ha voluto regalarle. Lo ha detto al microfono in chiusura del comizio in piazza Cavalli: «Scusate se scappo, ma ieri ho ricevuto un fax da Piacenza dallo zio di una ragazza che avrebbe piacere di incontrarmi e mi ha invitato a prendere un caffé in casa sua con le sue amiche».
Detto, fatto. Veltroni è salito sul pullman e ha raggiunto via Guerra, al civico 4. Una casetta monofamiliare nella prima periferia, zona di via Manfredi. Ad aprirgli la porta Maria, con il fratello minore Francesco, alcune compagne di scuola, la mamma e il papà Gaetano, ferroviere, origini siciliane, per la precisione di Letojanni (Messina), a due passi da Taormina. «Ma sono piacentino di adozione, è da 25 anni che sto qui», spiegava a tutti, una volta congedato l’illustre ospite, mentre offriva cannoli ai curiosi che facevano capannello alla porta d’ingresso.
Una ventina di minuti si è trattenuto Veltroni in casa Saitta. Maria gli ha fatto vedere la sua camera, con il disordine tipico delle adolescenti che «mi ricordato tanto quello delle mie figlie», ha commentato. Ha chiesto informazioni sulle fotografie appese alle pareti, sulle scritte in pennarello su grandi fogli bianchi. «Sono testi di canzoni», ha spiegato Maria per nulla in imbarazzo.
Poi il trasferimento in salotto, per il caffé e i pasticcini insieme alla piccola tribù di amici e parenti che affollava la casa. Sprizzava gioia da tutti i porti alla fine la ragazzina. Sfoggiando peraltro una disinvoltura invidiabile mentre raccontava che era già sotto il palco di piazza Cavalli quando, alle 17,45 (Veltroni doveva ancora arrivare), ha ricevuto una telefonata sul cellulare. Era Walter in persona, anzi, in voce, che la informava di avere deciso di accettare il suo invito. «Quasi mi è venuto un mancamento, era un po’ un sogno per me conoscere Veltroni. Ero già andata a sentirlo l’anno scorso, secondo me è la persona più tranquilla dell’universo, credo che riuscirà a portare l’Italia lontano». Una ragazzina di 16 anni che per sogno ha di conoscere un politico? «Ma io e i miei amici quasi tutti siamo attivi in politica, io mi impegno per il Pd, penso che dobbiamo essere preparati un domani per quando saremo grandi».
«Una ragazza e una famiglia davvero simpatici», ha commentato da parte sua Veltroni prima di risalire sul pullman: «Se si può fare qualcosa di carino per i ragazzi… ».

Fonte (gu.ro.) – liberta.it

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: