A caccia di stelle cadenti sul Monte Scuderi

Una notte a stretto contatto con la natura. Quest’anno per una strana coincidenza,  la “Festa della Montagna” cadrà proprio tra l’11 e 12 agosto, la notte immediatamente successiva a quella di San Lorenzo. Giorni in cui milioni di persone passano le notti col naso all’insù alla ricerca della stella cadente e del desiderio da esprimere. Lontano dalle luci urbane, Monte Scuderi rappresenta indubbiamente un ottimo “osservatorio” per tutti gli appassionati di stelle comete e degli amanti della natura. La serata inizia alle 16.00 con il raduno e l’accampamento in contrada Fossa Lupa a poche centinaia di metri dalla cima del monte. Cena a base della caratteristica “sasizza supra i ciaramiti” e vino locale. Il tutto allietato da canti popolari e balli attorno al falò (rigorosamente controllato) . Dopo cena, diversi gruppi di escursionisti si avventurano in suggestive passeggiate notturne lungo i sentieri della Riserva alla ricerca della postazione ideale per osservare il cielo con la speranza di vedere le stelle cadenti. La mattina sveglia all’alba, colazione e via all’escursione sulla cima della montagna ad ammirare le famose grotte nelle quali, secondo la leggenda,  vi è nascosto un immenso tesoro. In tarda mattinata, quando il sole comincia a picchiare forte, rientro al campo base di Fossa Lupa per il convegno “Il tesoro della montagna nel viaggio per trovarlo”. A seguire il pranzo che chiude la manifestazione con la tipica”schiticchiata” . Lo scorso anno la notte della festa è stata illuminata da una straordinaria luna piena che ha reso visibile tutte le vallate, rendendo perfino superfluo l’utilizzo delle torce elettriche. Un fascino senza tempo quello esercitato dalla “montagna del tesoro”. Tra mito, leggenda e risorse naturali , da secoli ormai il monte rappresenta un importante punto di riferimento non solo metaforico, ma anche economico per tutti i paesi sorti nelle sue vallate. Ieri con le sue risorse minerarie e le ghiacciaie,  oggi in qualità di attrazione turistica. Autentica miniera dalle mille risorse, nonché naturale serbatoio di acqua. Non a caso le valli di Itala, Alì e Nisi sono tra le poche in riviera a non avere mai avuto problemi di carenza di acqua. Fa ben sperare inoltre il finanziamento dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente per il “Recupero ambientale della Valle di Itala con miglioramento dell’accessibilità alla riserva naturale Monte Scuderi e delle aree connesse”, che prevede la messa in sicurezza del centro abitato ed il consolidamento di un itinerario naturalistico di 2.600 metri, che permetterà ai visitatori di poter raggiungere Monte Scuderi e la zona di Mandrazzi, in cui è in atto un intervento di riqualificazione ambientale che prevede l’impianto di un parco con laghetti artificiali, area attrezzata ed un punto panoramico. La Festa della Montagna , giunto ormai alla sua terza edizione ,si inserisce perfettamente in quest’ottica di sviluppo rurale e turistico che mira a promuovere il territorio nel pieno rispetto della cultura e delle tradizioni locali.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: