Archive for aprile 2007

Messina rende omaggio a Michelangelo Antonioni

aprile 21, 2007

Alcune scene de ”L’avventura” girate a Casalvecchio

MESSINA – Martedì 24 aprile, alle ore 10.30, nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella sala Giunta di Palazzo Zanca sarà presentato il programma della manifestazione “Omaggio a Michelangelo Antonioni – Messina nella sua Avventura”. L’iniziativa, promossa dal Comune, con il patrocinio del Ministero dei Beni e le Attività culturale e della Regione Sicilia ed il sostegno dell’Ato3 e del Cinit (Cineforum italiano), è organizzata dall’Associazione culturale “Daf”, presieduta da Giuseppe Ministeri. La manifestazione si articolerà in tre momenti: giovedì 26 aprile, alle 10.30, nel salone delle Bandiere di palazzo Zanca, verrà presentato il volume sulla storia del film “Avventura”, girato nel 1959 anche nella città dello Stretto, curato dal critico e storico del cinema Nino Genovese. Venerdì 27, alle ore 20.30, al cinema Odeon, verrà proiettata una copia restaurata del 1960 del film “L’Avventura” ed infine sabato 28, alle ore 10.30, verrà apposta una targa all’incrocio tra il viale San Martino ed il Viale Europa, luogo in cui, nel dicembre del 1959, Antonioni girò la sequenza messinese del film. In una classifica relativa ai cento migliori film del periodo 1895-1975, L’Avventura di Michelangelo Antonioni occupa il sesto posto. Girato nel 1959 ed uscito nel 1960, rappresenta uno dei capolavori del maestro ferrarese, primo tassello della trilogia detta dell’«incomunicabilità» (L’Avventura, L’Eclisse e La Notte), che diventa una tetralogia (con l’aggiunta di Deserto rosso). La prestigiosa Rassegna internazionale americana NICE (New Italian Cinema Events), vetrina del cinema italiano degli esordienti, ha voluto inaugurare la sua decima edizione, che si è svolta a Mosca e San Pietroburgo, proprio con la proiezione della copia restaurata de L’Avventura.Il capolavoro di Antonioni è un film interamente siciliano: dopo la breve parte iniziale, girata a Roma, i principali luoghi di svolgimento del film (oltre Noto) sono Lisca Bianca (isolotto di Panarea, nelle Isole Eolie), Milazzo, Casalvecchio Siculo, Noto, Taormina, tutti in provincia di Messina. E vi è anche un’importante e significativa scena girata nel capoluogo peloritano, che, pur essendo una scena di massa, molto “particolare” e spettacolare, non è molto ricordata. Alla ricerca di Anna (interpretata da Lea Massari), misteriosamente scomparsa a Lisca Bianca, il fidanzato Sandro (Gabriele Ferzetti) e l’amica Claudia (Monica Vitti) si trovano a girare per buona parte dell’isola; Sandro, in particolare, sulla traccia di una notizia giornalistica, si ritrova a Messina; qui, davanti a un bar, c’è una folla di giovani acclamanti e vocianti. Sandro riesce ad entrare nel bar e scopre che il motivo di tutto questo chiasso è determinato dalla presenza di una procacissima ragazza (Dorothy De Poliolo), che vi si è dovuta rifugiare a causa di una vistosa scucitura nella gonna. La scena è girata all’interno e davanti il non più esistente Bar «Grotta Orione», che si trovava nell’edificio di stile eclettico, non più, esistente sul viale san Martino (lato monte) e il viale Europa .

Fonte:Tele90

Annunci